Inserisci i tuoi dati.

Password persa?

Non sei ancora registrato?

Registrati e crea la tua area riservata per visualizzare le promozioni dedicate a te e ricevere le novità della stagione.

registrati
ADIDAS ITALIA
BALOCCHI
BIRKENSTOCK
BLUNDSTONE
CIAO BIMBI
CIENTA ESPANA
CRISTAL
EL NATURALISTA
FRODDO
GARVALIN
GRUNLAND
IGOR
JARRETT
MARILI
MERREL
MOMINO
MONELLINA
NEW BALANCE
NIKE
OCRA   FAST
OLANG
PABLOSKY
PANDA
ROMAGNOLI
SAUCONY
SHO E.B. 76
SUPERFIT
TEVA
TIFFANI
VANS

Iscriviti alla Newsletter

NON ESISTE IL CATTIVO TEMPO, ESISTONO SOLO I VESTITI SBAGLIATI

Non importa che sia estate o inverno: a meno che non sia malato, un bambino non dovrebbe mai passare i pomeriggi chiuso in casa.

Spesso i genitori pensano che quando le temperature si abbassano e il sole sparisce dietro alle nuove l'ideale sia stare rintanati in casa, ma non è così. 

Il mito che il freddo faccia ammalare è ormai stato sfatato con il passare degli anni.

È vero che alcuni germi, per esempio il virus dell'influenza, al freddo stanno meglio, ma molti altri in realtà stanno peggio e dunque fanno più fatica a moltiplicarsi. L'ambiente aperto riduce significativamente la possibilità di trasmettere malattie.  

Non solo: grazie all'esposizione alla luce solare, la vita all'aria aperta aiuta a fissare la vitamina D, che secondo vari studi è molto importante oltre che nel metabolismo del calcio anche nella prevenzione delle infezioni. 

Andare fuori a giocare fa si che i bambini facciano più movimento e passino meno tempo davanti alla tv.

Anche nelle grandi città, dove l’inquinamento ambientale è forte, è difficile che la qualità dell'aria all'esterno sia peggiore di quella dentro casa.

Stare in spazi aperti è la naturale condizione di vita del bambino che, in questo modo, impara meglio a prendere consapevolezza del suo corpo e dello spazio che occupa e a interagire in autonomia con lo spazio esterno.
Un aspetto fondamentale è il contatto con la natura, perché permette di toccare con mano il trascorrere delle stagioni, verificando il modificarsi delle sensazioni tattili, olfattive, uditive. 

Non bisogna avere paura che il bambino prenda freddo o si sporchi. Bisogna fargli indossare dei vestiti comodi, in più strati in modo che si possa vestire o svestire a seconda delle condizioni esterne. E se c'è rischio che si bagni basta prevedere un abbigliamento adeguato, con impermeabile, cappellino, stivaletti antipioggia.

Sia per le basse temperature sia per la pioggia noi ti offriamo una vasta gamma di calzature adatte ai bambini di tutte le età.

Vieni a trovarci in negozio dove potrai usufruire dei preziosi consigli di Patrizia

oppure visita il nostro sito web www.vik-scarpeperbambini.it comodamente da casa tua.

I marchi che si addicono particolarmente per queste esigenze sono:

                                               

Seguici sulle nostre pagine social per non perderti nessuna novità!